header_image
Risultati della ricerca

Chi Siamo

SPIM spa è la Società per la promozione del patrimonio immobiliare del Comune di Genova

SPIM è una società pubblica con una gestione altamente manageriale basata sulla programmazione ed il controllo della performance aziendale. SPIM S.p.a è la Società per la promozione del patrimonio immobiliare del Comune di Genova, partecipata al 100% dal Comune, che svolge attività immobiliare, forte di un patrimonio di circa 300 milioni di euro. Attraverso il Gruppo SPIM il Comune di Genova ha promosso, a partire dal 2001, un innovativo percorso di promozione e di gestione del patrimonio immobiliare comunale, articolato su due linee guida:

  • gestione del processo di dismissione e valorizzazione del patrimonio comunale disponibile
  • promozione e realizzazione di interventi immobiliari al servizio della Civica Amministrazione e dei cittadini: Mercato ortofrutticolo di Bolzaneto, recupero dell’antico Monastero delle Suore dominicane dei SS. Giacomo e Filippo (attraverso la controllata S. Bartolomeo srl), acquisto delle rimesse in uso ad AMT nell’ambito del servizio di trasporto pubblico locale, acquisto dell’immobile “Matitone”, per l’essenziale riorganizzazione della struttura degli uffici e dei servizi comunali.

Protagonista di un innovativo piano pluriennale di vendita degli immobiliSPIM ha un  patrimonio di circa 300 milioni di euro e ha già venduto assets immobiliari per circa 500 milioni di euro.
Il Comune di Genova è l’unico azionista di SPIM che gestisce attualmente un patrimonio di oltre 1000 unità abitative e ha avviato nuovi investimenti  nel settore del Social Housing.
Il ruolo strategico di SPIM , già consolidato in questi anni con la riconversione di aree fondamentali per lo sviluppo economico e turistico della città, si svilupperà ulteriormente con la riqualificazone degli immobili e le aree non più funzionali all’attività fieristica nell’ambito del nuovo Waterfront di Levante.

SPIM, una società strategica e innovativa

sep

Progetti di Valorizzazione del Territorio

Dal Mercato Ortofrutticolo alle aree della Fiera passando per il Matitone, il Monastero delle Suore Domenicane, ville, capannoni industriali  e migliaia di unità immobiliari: lo Sky Line di Genova in questi quindici anni è cambiato e cambierà grazie all’intervento di SPIM.
Era il 19 marzo del 2001: il Consiglio Comunale approva il programma di vendita di parte del patrimonio immobiliare del Comune di Genova. Tre mesi dopo lo stesso Comune vende a Tono S.p.A. (una società controllata da Spim) 1367 unità immobiliari ad uso abitativo e 98 immobili ad uso non abitativo in Genova, 15 unità immobiliari ad uso non abitativo fuori Genova.
Spim in questi quindici anni ha acquistato immobili per 500 milioni, addossandosi completamente il rischio di impresa e garantendo immediatamente all’azionista Comune di Genova un introito certo e immediato,  rivendendo sul mercato le unità abitative e non abitative a prezzi che favorissero l’accesso alla proprietà dell’abitazione.
Migliaia di persone in questi anni hanno avuto la possibilità di acquistare la casa con prezzi medi di mercato abbattuti del 30%. Oggi a fianco del soddisfacimento del bisogno primario di abitazione, attraverso gli alloggi dell’Edilizia Residenziale Pubblica, si sviluppa l’attività di Social Housing o  formule innovative come il “Rent to Buy” .

SPIM in questi quindici anni diventa così protagonista del piano di vendita degli immobili del Comune ma anche attore di primo piano nella riconversione di aree fondamentali per lo sviluppo della città.

Nei prossimi anni saranno le aree del polo fieristico, già oggi proprietà di Spim, a cambiare il volto della città.

La città guarda al futuro.

Con nuovi progetti, investimenti nell’efficienza energetica, sviluppo di poli logistici e mercatali, attirando partner nazionali e internazionali. Spim, affiancando il Comune di Genova, sviluppa i progetti.

Presente nel futuro per trasformare la realtà di tutti i giorni.

logo_big_spim_2